GIFFI NOLEGGI
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
articoliIl Punto

Modena, alla corte di Calenda prove generali delle spartizioni Pd

La Pressa
Logo LaPressa.it

Mondi diversi, eppure così uguali tra loro, dove tutto si tiene e dove ognuno cerca di sgomitare sorridendo. Per esserci. Ancora una volta


Modena, alla corte di Calenda prove generali delle spartizioni Pd
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Era sufficiente il colpo d'occhio dell'incontro di oggi a Magreta con Calenda e Richetti per rendersi conto della assoluta tranquillità del Pd modenese e del Sistema del centrosinistra in vista delle elezioni amministrative. Al centro della scena il candidato sindaco Massimo Mezzetti, da tempo benedetto dal partito di Calenda stesso e pronto ad incassare anche il sì dei 5 Stelle impegnati a convincere la base a ingurgitare l'amaro calice. Accanto a 'Massimo', come tutti ora la chiamano in tono amicale, la sua futura corte. Una corte che fino a ieri aveva risposto a Giancarlo Muzzarelli (non a caso oggi assente a Magreta) e che, senza colpo ferire, si sposta adesso sul nuovo leader. 

In un fiorire di abbracci e strette di mano vigorose, di sorrisi e di complimenti, sullo sfondo del duo Calenda-Richetti, è andato in scena il teatro della spartizione del potere, dove il primo avversario è il politico più vicino e dove si nascondono ambizioni e invidie dietro alla maschera del politicamente corretto. Personaggi politici che a vicenda alle spalle si dicono le peggio cose, collaboratori danzanti in punta di piedi, frizioni ataviche malcelate e note a tutti, parvenu in cerca d'autore e vecchie glorie in cerca di riscatto. Una macedonia indistinta, fotografia di una politica identica a destra, come a sinistra e al centro. Dove l'ipocrisa non è apparenza ma sostanza. Dove l'essere è solo apparire e gli specchi sono sempre e comunque vietati. Mentre Calenda dal palco teneva il solito comizio, uguale a tanti altri eppure convintamente diverso dagli altri.

Nulla di nuovo, con l'aggravante che a Modena le maschere di questo triste teatro sono moltiplicate per 80, quanti gli anni di monopolio dello stesso colore politico, del quale ora Azione farà da stampella. Ovviamente senza dirlo ufficialmente.

Di fianco a Mezzetti il segretario provinciale Pd Roberto Solomita, uscito indenne, a differenza di Federica Venturelli, dalla figuraccia degli otto candidati cancellati prima delle Primarie. Per lui, probabilmente, è già pronto un ruolo da assessore o comunque un incarico vicino a Mezzetti stesso.
E' poi apparsa Francesca Maletti, per lei si parla già di un ruolo come assessore al welfare. Ma in prima fila c'era anche Maria Costi, alter ego della Maletti, e pronta a sostituirla in Regione. Poco distante il consigliere regionale Luca Sabattini che punta decisamente al terzo mandato in Regione e che, per questo, cerca di prepararsi il campo tirandola per le lunghe con la ricandidatura di Giovanni Gargano a Castelfranco. C'era anche Giovanni Taurasi che, in vista delle Primarie Pd a Carpi, ha deciso di appoggiarsi decisamente sulla sponda centrista di Azione (oltre che sul sostegno della coppia Solomita-Bonaccini).
E ancora una serie di comprimari pronti a ruoli di secondo piano nella marea di nomine che la nuova giunta sarà chiamata a effettuare: dal repubblicano Paolo Ballestrazzi passando per gli storici rappresentanti Psi. Mondi diversi, eppure così uguali tra loro, dove tutto si tiene e dove ognuno cerca di emergere, un po' sgomitando un po' sorridendo. Per esserci. Ancora una volta.
E allora tutto sembra già pronto in casa Pd per una vittoria senza intoppi a Modena. Il centrodestra a traino Fdi, con il leader Michele Barcaiuolo tentennante, non è ancora pervenuto e le scommesse sul risultato finale ormai sono sospese per eccesso di ribasso. Fate il vostro gioco. Ancora, fingendo che sia per sempre.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo
Articoli Correlati
La festa dell'Annunciazione: nulla è impossibile a Dio
Il Santo del giorno
08 Aprile 2024 - 06:14
È andata così
Le Vignette di Paride
02 Aprile 2024 - 18:07

Il Punto - Articoli Recenti
Voto a Modena: per il centrodestra ..
Perchè la Dondi non può certo essere accusata di essere una neofascista, non la si può ..
30 Marzo 2024 - 15:30
Modena, l'amore di Mezzetti: ..
La carezza di Mezzetti sul volto dei modenesi e dei loro bambini. Novella favola patinata ..
27 Marzo 2024 - 21:15
Voto a Modena, per Negrini ..
E con il partito di Conte pronto a una lista autonoma, il ballottaggio per Mezzetti sarebbe ..
25 Marzo 2024 - 17:00
Elezioni Modena: l'importanza del ..
Il gioco di squadra Negrini-Giacobazzi, supportato dalla presenza dell'onorevole Daniela ..
24 Marzo 2024 - 11:37
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58