Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

In 5 anni la sanità pubblica ha speso 1,7 miliardi per i 'gettonisti'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Antonio De Palma (Sindacato Nursing up) su dati Anac: 'Il ricorso a professionisti esterni è costato più di quello che serve per il prossimo rinnovo contrattuale del comparto sanità'. In Regione e a Modena il triplo a turno, rispetto ad un professionista dipendente


In 5 anni la sanità pubblica ha speso 1,7 miliardi per i 'gettonisti'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Anche in Emilia-Romagna il ricorso alle cooperative esterne di medici per la copertura dei vuoti negli organici della sanità pubblica è stato massiccio. Più volte, nello specifico della provincia di Modena, lo abbiamo evidenziato nel merito dell'emergenza urgenza e dell'ostetricia, nelle realtà di Carpi e di Mirandola. Dove già dal 2022 per tutto il 2023 l'Ausl è ricorsa a contratti con soggetti privato per la somministrazione di servizi medici ed ospedalieri a costi davvero importanti. Basta pensare i 1400 euro a turno pagati per servizi esterni rispetto ai circa 450 pagati ad un medico professionista assunto in struttura. Con appalti da centinaia di migliaia di euro.

Un vero e proprio fiume di denaro quello legato ai professionisti della salute “a gettone”, diffuso in tutto alla stivale al punto da portare il “mercato” di medici e infermieri esterni a generare un costo di circa 1,7 miliardi di euro in 5 anni.

I dati nazionali sono richiamati al sindacato nazionale Nursing UP. 'Una cifra spropositata, se si pensa che l'intero, prossimo rinnovo contrattuale del personale del comparto sanità (esclusa dirigenza) dovrebbe valere circa 1 miliardo e 500 milioni' - sottolinea il Presidente Antonio De Palma.

'Numeri che lanciano un nuovo preoccupante campanello di allarme sulle scelte assolutamente paradossali e poco comprensibili da parte delle nostre Regioni.
Non esageriamo affatto affermando che siamo di fronte all’ennesimo “Vaso di Pandora”, un pentolone scoperchiato davanti agli occhi della collettività. E il contenuto non è certo edificante. 
Doverosamente ci chiediamo come sia possibile sostenere queste spese, laddove le Regioni lamentano sempre di non avere risorse a disposizione, e soprattutto laddove si potrebbe investire maggiormente sui professionisti dipendenti delle nostre realtà sanitarie, la cui valorizzazione economica, invece, viene costantemente ignorata, aprendo la strada a fenomeni come fughe all’estero e dimissioni volontarie che minano nel profondo la stabilità del nostro SSN.

Secondo l’ANAC da Nord a Sud, nessuna azienda sanitaria, “per tappare le falle”, è esente dal ricorrere a medici e infermieri che vengono forniti da società esterne. 

Vogliamo arrivare fino in fondo, continua De Palma. Il Governo, rispetto a professionisti dipendenti la cui magra retribuzione ci colloca da tempo al terz'ultimo posto in Europa, ha il dovere di spiegarci, in relazione a queste cifre, quanto mediamente è destinato alle società appaltanti per i loro servizi , e quanto realmente viene messo a disposizione dei liberi professionisti. 

Ci aspettiamo anche spiegazioni sul perchè, di fronte a tale evidente emorragia di risorse pubbliche, il Governo, invece di predisporre un serio piano di valorizzazione degli infermieri e degli altri professionisti sanitari del SSN, si ostini a mantenere il braccino corto, per poi restare muto di fronte allo sperpero delle regioni, che addirittura avrebbero speso più di quanto è stato preventivato per un intero rinnovo contrattuale' - conclude De Palma.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
La ciclabile Modena-Maranello sarà ..
Identificabile da un nuovo logo e relativa segnaletica collegherà anche idealmente i musei ..
02 Aprile 2024 - 18:07
Acquisti online: comprano prodotti a ..
La denuncia del presidente regionale del Codacons Fabio Galli
02 Aprile 2024 - 13:53
Ex Mercato Bestiame: dopo 20 anni ..
Il Piano Periferie ha solo accellerato un processo che sconta errori di programmazione e ..
02 Aprile 2024 - 10:03
Modena: spacciatore arrestato al Novi..
E' un 33enne tunisino. Il giudice ha disposto per lui il divieto di dimora. Lo hanno ..
02 Aprile 2024 - 01:10
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda ..
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24